Subscribe:

lunedì 12 dicembre 2016

Combattere l’ipertensione a tavola con la dieta DASH.


Il termine “DASH” significa “dietary approaches to stop hypertension” (trad.: approcci dietetici per contenere l'ipertensione). L’incremento dei valori della pressione arteriosa è strettamente correlato all’alimentazione, la DASH è una dieta povera di grassi saturi e trans, colesterolo, povera di carni rosse, sale, dolci e bibite che contengono zucchero. È invece, ricca di frutta, verdura e latticini a basso contenuto di grassi. 


Come molti sanno, la pressione arteriosa rappresenta la forza che il sangue esercita contro le pareti delle arterie, più alta è questa forza maggiore è la pressione arteriosa e maggiori sono i rischi per la salute, perché il cuore deve lavorare di più per pompare il sangue attraverso l'organismo, deve praticamente superare la forza esercita dalla pressione arteriosa e nel tempo questo maggiore carico di lavoro provoca l'ingrossamento del muscolo cardiaco danneggiandolo.
Inoltre, la pressione elevata nelle arterie nel tempo ne rovina la parete, questa conseguenza della pressione alta abbinata al fatto che con l’aumentare degli anni le arterie diventano più dure e rigide può favorire la comparsa di infarti e ictus, oppure danneggiare organi come i reni accelerando i danni prodotti dall’ipertensione.
Per evitare che tutto questo possa accadere, non occorre fare diete difficilissime o rinunciare ai piaceri di una buona tavola (a patto che sia sana), basta prestare un po’ di attenzione ad alcune cose:

  • Usare poco sale in cucina, in alternativa al sale possono fornire maggiore sapore ai cibi alcune spezie come pepe, aglio, cipolla, salvia o rosmarino;
  • Aumentare la quantità di verdure nella dieta, magari aggiungendo alla dieta zuppe, stufati di verdure;
  • Mangiare frutta regolarmente preferibilmente fresca; 
  • Prediligere l’acqua durante i pasti rispetto ad altre bibite alcoliche o analcoliche;
  • Prediligere il consumo di formaggi a basso contenuto di grassi rispetto agli altri formaggi;
  • Prediligere prodotti a basso contenuto di sodio, quindi con poco sale (informazioni che sono facilmente reperibili sull’etichetta dei prodotti che vengono quotidianamente acquistati, scegliendo quelli con meno del 5% del valore giornaliero di sodio)
  • Ridurre gradualmente l’apporto di carne rossa e prediligere porzioni piccole, un aiuto semplice nella valutazione della grandezza di una porzione di carne è pensare che non va mangiata più carne di quanta ne entrerebbe nel palmo della mano;
  • Mangiare pasta o riso con sughi leggeri e possibilmente a base di verdure o legumi; 
  • Se per lo spuntino non è possibile mangiare della frutta, allora prediligere gli snack senza sale come: salatini senza sale o noci mischiate con uva passa o mirtilli, yogurt a basso contenuto di grassi;

Se oltre a voler abbassare i valori della pressione arteriosa si desidera perdere anche peso, oltre a seguire questi semplici consigli che favoriscono scelte alimentari più sane e consapevoli, è sufficiente ridurre l’apporto quantitativo di cibo, cioè semplicemente mangiando porzioni più piccole.

0 commenti :

Posta un commento